Mirka Falco PIEMONTE 2

Mirka Falco

Villar Pellice (TO)

Mi presento

Mi chiamo Mirka Falco, sono guida turistica e ambientale escursionistica, e da più di vent’anni accompagno a scoprire borghi e borgate delle Valli Occidentali del Piemonte. Le mie radici sono nella Cultura Occitana e nella Storia Valdese e nel mio lavoro cerco di abbinare, quanto più possibile, l’Arte e la Storia con la Natura.
Le mie specialità: Escursioni per tutti i piedi nel Parco delle Alpi Cozie, visite alle fortificazioni.
Le lingue che conosco: Francese. Inglese e un po’ di Tedesco.

Alcune delle mie proposte

  1. Le montagne olimpiche (1 giorno)
    Una breve passeggiata sulle praterie alpine, con vista sui ghiacciai e la frontiera francese. Sosta a Sestriere, la stazione sciistica fondata dagli Agnelli. Visita di un villaggio alpino per vedere alcune case “da favola”. E poi la Casa dei Costumi di Pragelato, una delle più ricche collezioni di costumi tradizionali delle Alpi, ospitata in una casa tradizionale del XVII secolo.
  2. Le Abbazie del medioevo (1 giorno)
    Itinerario sulle orme dei pellegrini, in val Susa. E’ la valle della Sacra di San Michele, l’abbazia che ha ispirato “Il nome della rosa” di Umberto Eco; dell’Abbazia di Sant’Antonio di Ranverso, con gli splendidi affreschi tardo gotici di Jacopo Jacquerio; di decine di piccole cappelle medievali che hanno come sfondo le Alpi piemontesi.
  3. Le strade dei forti (1 giorno)
    La storia del Piemonte vista dalla frontiera: nell’età moderna, castelli e torri di avvistamento vengono trasformati in fortezze sempre più elaborate. Uno degli esempi più affascinanti di architettura militare di questo periodo è il Forte di Fenestrelle, la fortezza a serravalle più grande d’Europa, con la sua scala coperta di quasi 4.000 gradini. E per chi vuole “osare di più” ci sono il Forte dello Chaberton, a più di 3.000 metri d’altitudine, o la strada militare dell’Assietta, che corre sulla cresta fra la val Chisone e la val Susa.

Il piatto tipico della mia zona

Calhette della val Chisone

Se vuoi provare a preparalo in casa ecco la ricetta

Pelare 800 gr di patate, grattugiarle grossolanamente e strizzarle con un canovaccio. Rosolare 4 cipolle e 2 spicchi d’aglio nel burro, con sale e pepe, e aggiungere 3 hg di toma grattugiata. Quando la toma è completamente sciolta, versare il composto sulle patate, aggiungere 2 hg di farina, 2 uova e mescolare bene. Con l’aiuto di un cucchiaio, modellare l’impasto a forma di gnocchetti rotondi, della misura di una palla da tennis, infarinarli e buttarli, poco per volta, in una pentola di acqua salata in ebollizione. Cuocerli finché tornano a galla, poi condirli con burro fuso e rosolato con erbe di montagna.

I miei contatti

Abito a: Villar Pellice (TO)

N. Patentino di abilitazione: G.T. 135 – G.A.E. 83

Chiamami al: 333 8561882
Mandami una e-mail: mirkafalco@alice.it