Sul terrazzo di Montalbano con la vera Adelina e il tramonto a Punta Secca

E’ entrata nell’immaginario degli italiani e sembra quasi un’immagine onirica: è la terrazza della casa di Montalbano, quello televisivo, a Punta Secca, comune di Santa Croce Camerina in provincia di Ragusa. Ed è il luogo più ambito dai turisti in questa abitazione che dal 2003 è diventata un B&B ricercato e desiderato. È stata l’imprenditrice Ivana Micciché, fondatrice e amministratrice della Discovering Sicily specializzata nei viaggi in Sicilia e isole minori, a proporre ai proprietari dell’immobile, la famiglia Di Quattro di Ragusa, di trasformarlo in una struttura ricettiva. Qui, ormai ogni anno, tornano i tecnici e gli operatori della Palomar, che da vent’anni produce la serie televisiva dedicata al personaggio creato da Andrea Camilleri e che ha battuto tutti i record . Qui puntuale, in primavera, torna Zingaretti e non solo lui. Ma qui, per dire, è possibile incontrare (quando la struttura è aperta) Agata, versione concreta e vera di Adelina, signora siciliana che si prende cura del Montalbano televisivo: è con Agata che Adelina è diventata un personaggio reale. «Agata per la verità – dice Ivana – è più simile a Catarella. Ma è il punto forte di questa struttura».
Chi arriva da queste parti (per il 70% italiani ma da qualche anno anche stranieri, soprattutto inglesi) cerca quella terrazza, quel luogo talmente bello da sembrare irreale: «Appena apriamo la porta per far accomodare i nostri ospiti vediamo nei loro occhi la luce dell’incredulità» racconta Ivana Micciché. E c’è chi, invece, racconta ancora l’imprenditrice «cerca la camera da letto, quella che si vede nella fiction anche se nella fiction in realtà il letto è allestito nel soggiorno. Gli occhi sembrano dire: non è possibile che sia vero».
E invece è tutto vero, come vera e la trasformazione di questo borgo, di una frazione fino a vent’anni fa meta di pochi e oggi punto di arrivo di tantissimi turisti che vengono per la casa di Montalbano, per la bellezza del mare con i suoi tramonti ammalianti e per la ricchezza di questo territorio: dai beni culturali alla cucina. E c’è chi, tra gli ospiti del B&B, per somma fortuna si è ritrovato a far le vacanze con il commissario seduto sul terrazzo o a dormire in quel letto famoso: «Nei periodi in cui girano le scene del film – racconta Ivana – la casa è chiusa chi ha prenotato viene ospitato in altre strutture ma ha la possibilità di assistere alle riprese. Non sappiamo mai di certo quando cominceranno e quando arriva il momento dobbiamo organizzarci. E’ capitato che dovessero girare scene straordinarie e allora in quel caso gli ospiti sono rimasti in casa».

Punta Secca è certamente cresciuta in questi anni e ora è il momento di fare attenzione: «La speculazione è sempre dietro l’angolo e bisogna fare molta attenzione per preservare le nostre bellezze».

di Nino Amadore-Viaggi24-Sole24ore